Attualità

Scoprire i tumori attraverso il soffio:
presentato a Bari “Inside the breath”

Scoprire i tumori attraverso il soffio:
presentato a Bari “Inside the breath”
Davide Impicciatore

Un “soffio” per scoprire tumori e malattie: la “rivoluzione scientifica” che prende il nome di “Inside the breath” sarà realtà nel giro di 18 mesi. Il progetto, presentato ieri mattina nell’Università di Bari, produrrà una tecnologia capace di diagnosticare, attraverso il respiro del paziente, un ampio spettro di patologie, fra cui tanti tipi di tumori, senza doversi necessariamente sottoporsi a diagnosi lente e invasive. La ricerca è stata avviata per la prima volta quattro anni fa dai medici del Policlinico di Bari e i ricercatori del dipartimento di Biologia dell’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”, insieme a una cordata di aziende pugliesi. All’inizio la ricerca mirava a diagnosticare precocemente il cancro al colon-retto, la seconda causa di morte per tumore al mondo. Sino ad oggi l’unico modo per accertare questo tumore era effettuare una colonscopia, tecnica invasiva e meno sicura per i pazienti: l’80% delle colonscopie ha esito negativo e nel 2-3% dei casi si rischiano anche pericolose controindicazioni. Con questa nuova tecnologia potranno essere scoperti non solo i tumori, ma molte altre patologie, come l’asma infantile. I costi saranno abbordabili, tanto che se ne potranno dotare cliniche, laboratori e farmacie. “Basterà soffiare all’interno di una cannula (come per una spirometria) senza particolari sforzi – spiega Gianluigi De Gennaro, docente del dipartimento di Biologia dell’Università di Bari –, recuperare questa miscela d’aria e analizzarla. L’apparecchio creerà un diagramma che fornirà la percentuale di probabilità che il paziente possa avere quella patologia”, facendo un primo screening. Poi sarà il medico, eventualmente, “a prescrivere o meno altri esami”. “La possibilità di una diagnosi precoce prima che il polipo del colon diventi un tumore – dice il prof. Francesco Altomare, direttore dell’unità operativa di Coloproctologia al Policlinico – rappresenta una grande possibilità di salvare vite umane. Con questa tecnologia, in teoria, questo tipo di cancro potrebbe essere portato a mortalità zero”. “La ricerca deve avere la finalità di affrontare le emergenze anche di carattere sanitario – sostiene Antonio Uricchio, Rettore UniBa –. Questa è un’opportunità significativa per la nostra università di affermare la propria mission, che è quella di promuovere la ricerca e di realizzare il trasferimento tecnologico”.

More in Attualità

offbvb

“Italia a 5 Stelle”: i commenti di Grillo e l’aggressione al cronista de “Le iene”

Michela Lopez14 ottobre 2019
daniele-de-martino-3

Ad Acquaviva scoppia la polemica contro il rapper che esalta la mala

Simona Latorrata14 ottobre 2019
4c58e1_boldini_opera_homeim_799x400

De Nittis in mostra al “Karol Wojtyla” .Tre quadri per celebrare la Puglia

Simona Latorrata12 ottobre 2019
donna-incinta

In ospedale manca l’anestetista Donna perde il bambino a Vibo Valentia

Mariamichela Sarcinelli11 ottobre 2019
124657191-5784cdc6-8649-4bde-935c-bca8f7a5c9f5

Pompei e Santorini, fascino e terrore: la mostra alle Scuderie del Quirinale

Michela Lopez11 ottobre 2019
petruzzell

Ottantenne alla guida distrugge barriere Petruzzelli

Mariamichela Sarcinelli10 ottobre 2019
Credit photo: La Nazione

Novantenne multata su autobus a Carrara: aveva dimenticato di rinnovare abbonamento

Michele Mitarotondo10 ottobre 2019
halle-sinagoga1

Strage nella sinagoga di Halle Due le vittime del terrorista

Marìcla Pastore10 ottobre 2019
A Turkish n armored vehicles patrol as they conduct a joint ground patrol with American forces in the so-called "safe zone" on the Syrian side of the border with Turkey, near the town of Tal Abyad, northeastern Syria, Friday, Oct.4, 2019. The patrols are part of a deal reached between Turkey and the United States to ease tensions between the allies over the presence of U.S.-backed Syrian Kurdish fighters in the area. (AP Photo/Baderkhan Ahmad)

La Turchia attacca i curdi: nel raid colpiti anche civili

Michela Lopez10 ottobre 2019