Attualità

Scoprire i tumori attraverso il soffio:
presentato a Bari “Inside the breath”

Scoprire i tumori attraverso il soffio:
presentato a Bari “Inside the breath”
Davide Impicciatore

Un “soffio” per scoprire tumori e malattie: la “rivoluzione scientifica” che prende il nome di “Inside the breath” sarà realtà nel giro di 18 mesi. Il progetto, presentato ieri mattina nell’Università di Bari, produrrà una tecnologia capace di diagnosticare, attraverso il respiro del paziente, un ampio spettro di patologie, fra cui tanti tipi di tumori, senza doversi necessariamente sottoporsi a diagnosi lente e invasive. La ricerca è stata avviata per la prima volta quattro anni fa dai medici del Policlinico di Bari e i ricercatori del dipartimento di Biologia dell’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”, insieme a una cordata di aziende pugliesi. All’inizio la ricerca mirava a diagnosticare precocemente il cancro al colon-retto, la seconda causa di morte per tumore al mondo. Sino ad oggi l’unico modo per accertare questo tumore era effettuare una colonscopia, tecnica invasiva e meno sicura per i pazienti: l’80% delle colonscopie ha esito negativo e nel 2-3% dei casi si rischiano anche pericolose controindicazioni. Con questa nuova tecnologia potranno essere scoperti non solo i tumori, ma molte altre patologie, come l’asma infantile. I costi saranno abbordabili, tanto che se ne potranno dotare cliniche, laboratori e farmacie. “Basterà soffiare all’interno di una cannula (come per una spirometria) senza particolari sforzi – spiega Gianluigi De Gennaro, docente del dipartimento di Biologia dell’Università di Bari –, recuperare questa miscela d’aria e analizzarla. L’apparecchio creerà un diagramma che fornirà la percentuale di probabilità che il paziente possa avere quella patologia”, facendo un primo screening. Poi sarà il medico, eventualmente, “a prescrivere o meno altri esami”. “La possibilità di una diagnosi precoce prima che il polipo del colon diventi un tumore – dice il prof. Francesco Altomare, direttore dell’unità operativa di Coloproctologia al Policlinico – rappresenta una grande possibilità di salvare vite umane. Con questa tecnologia, in teoria, questo tipo di cancro potrebbe essere portato a mortalità zero”. “La ricerca deve avere la finalità di affrontare le emergenze anche di carattere sanitario – sostiene Antonio Uricchio, Rettore UniBa –. Questa è un’opportunità significativa per la nostra università di affermare la propria mission, che è quella di promuovere la ricerca e di realizzare il trasferimento tecnologico”.

More in Attualità

antonio_decaro_1j

I ‘cazziatoni’ di Decaro “Cimiteri saturi, restate a casa”

Marìcla Pastore8 aprile 2020
conte

“Una potenza di fuoco” per l’economia. Cosa prevede il decreto imprese

Saverio Carlucci7 aprile 2020
la-fontanella

Covid-19: nove morti in Rsa. Indaga la Procura di Lecce

Anna Piscopo7 aprile 2020
download-1

Covid-19, meno ricoveri in terapia intensiva Ma il numero delle vittime cresce: “Bisogna perseverare”

Marìcla Pastore7 aprile 2020
wireap_cc2ade55e9924ac4ba48e23096693914_16x9_992

Gli USA sull’orlo del tracollo “Sarà una nuova Pearl Harbor”

Cristina Mastrangelo6 aprile 2020
TURISTI IN PIAZZA SAN PIETRO  CON MASCHERINA SANITARIA ANTI CONTAGIO ANTICONTAGIO ANTIVIRUS

COVID 19 COVID19

EMERGENZA CORONA VIRUS CORONAVIRUS PAURA ALLARMISMO EMERGENZA ALLARME

Mascherine obbligatorie in Toscana saranno distribuite gratuitamente

Mariamichela Sarcinelli6 aprile 2020
Unità medici per strada

Covid-19, medici volontari in camper anche a Bari

Anna Piscopo6 aprile 2020
download

Covid-19: meno morti e ricoveri Ma non abbassiamo la guardia

Marìcla Pastore6 aprile 2020
e556b27bc2a9be859ccae2f4d3d2f6b4-44036-95723157c8ebcac4750156d2b21ac04e

Ricoverato Boris Johnson. Le sue condizioni peggiorano

Simona Latorrata6 aprile 2020