Attualità

Sotto sfratto la famiglia marocchina
Scambiati al cinema per terroristi

Sotto sfratto la famiglia marocchina
Scambiati al cinema per terroristi
Annarita Amoruso

 

 

Sono stati scambiati per terroristi in un cinema di Torino e questo è bastato al loro proprietario di casa per inoltrare una richiesta di sfratto. Per Souad Ghennam e Mustapha Lahfidi, marito e moglie di origine  marocchina che lo scorso primo gennaio  hanno vissuto l’incubo nel The Space, oggi scade il secondo avviso per abbandonare l’appartamento.

<<Non abbiamo soldi e non riusciamo a trovare un’altra casa, oltre che un lavoro – dice Mustapha – non possiamo  far altro che aspettare l’ufficiale giudiziario, nella speranza  di ottenere una nuova proroga>>.

La coppia, che vive a Torino da 20 anni con i suoi 3 figli, la sera del 1 gennaio era andata al cinema con la figlia più grande e il suo fidanzato. Doveva essere una serata allegra per far svagare Souad,  preoccupato per essere rimasto senza lavoro e invece si è trasformata in un incubo nato dal suo hijab sulla testa.

<<Per giorni ho avuto paura di mettere il naso fuori casa, non dormivo la notte>>,  ha raccontato Souad .

Nelle settimane successive all’episodio del cinema l’assessore Marco Giusta è  andato a trovare la famiglia a  casa insieme a molti esponenti della comunità musulmana torinese,  per tranquillizzare la coppia e rendere loro partecipi della presa in carico del caso da parte degli uffici comunali.

<<Dalla segreteria del sindaco mi hanno detto che cercheranno di parlare con il proprietario di casa mia–  continua il capofamiglia – Io nel 2012 avevo anche fatto richiesta per una casa popolare ma a quanto pare mi mancano ancora dei punti per ottenerla perché nel frattempo sono cambiate le regole>>.  Ora la pratica “casa” è arrivata sul tavolo degli uffici dell’assessore Sonia Schellino.

Attualità
Annarita Amoruso
@AnnaritaAmoruso

Annarita Amoruso di Loseto, quartiere che per la distanza può essere definito periferico, ma che in realtà appartiene ancora al Comune di Bari. Danzatrice dai 5 ai 23 anni, dal ventesimo anno ad oggi (dopo aver esplorato ogni evoluzione e trasformazione dei sensi legata alle emozioni della danza) ha deciso di dedicarsi al suo futuro lavoro, ovvero quello di giornalista. Laureata in scienze della comunicazione e attualmente praticante del Master in Giornalismo di Bari, cerca di affrontare ogni singola giornata come fosse l’ultima. Testarda quanto basta, schietta in abbondanza, sognatrice illimitata. Tende ad unire piuttosto che dividere, dotata di un forte spirito di gruppo. Punti critici: impulsiva, testarda, eccessivamente sensibile.

More in Attualità

bollettino-22-maggio

Covid-19: numeri ancora in calo Iss: “Non abbassiamo la guardia”

Claudio Carbone22 maggio 2020
093731269-875a45b0-0762-4a2a-9385-7601c6705fd8

Aumentano i controlli anti-movida a Bari. Decaro: giovani da responsabilizzare

Luigi Bussu22 maggio 2020
img_attualita_patriottismoeconomico

Patto Stabilità sospeso fino al 2021 La proposta di Parigi in sostegno all’Europa

Marìcla Pastore22 maggio 2020
unnamed-1

Università: lezioni online fino a gennaio 2021, rimangono aperti solo biblioteche e laboratori

Michela Lopez22 maggio 2020
giove

Ex Ilva, lunedì sciopero generale Sindacati: “Situazione insostenibile”

Anna Piscopo22 maggio 2020
stadio

Figc: I campionati di A, B e C vanno conclusi, ma la decisione finale spetta al Governo

Claudio Carbone21 maggio 2020
refinery-4800320_1920

Brindisi avvolta da emissioni del petrolchimico: il sindaco blocca gli impianti di Versalis

Michela Lopez21 maggio 2020
de-donno

De Donno cittadino onorario di Lequile per lotta a Covid-19 con terapia al plasma

Michele Mitarotondo21 maggio 2020
movida

Premier Conte: “No a movida”. Multe da 400 a 3mila euro

Anna Piscopo21 maggio 2020