Attualità

Turchia, Gabriele Del Grande chiama a casa:
“Sto bene, ma inizio sciopero della fame”

Turchia, Gabriele Del Grande chiama a casa:
“Sto bene, ma inizio sciopero della fame”
Graziana Capurso

“Sto bene. Non mi è stato torto un capello”. Sono queste le prime parole che Gabriele Del Grande, il reporter italiano trattenuto in Turchia, ha pronunciato al telefono parlando con la moglie, annunciandole anche la sua intenzione di iniziare uno sciopero della fame per protesta. Si tratta della prima telefonata concessa a Del Grande da domenica 9 quando è stato trattenuto dalle autorità turche al confine nella regione di Hatay.

“Sto parlando davanti a quattro poliziotti che mi guardano e ascoltano – ha detto Gabriele Del Grande durante la chiamata, il cui testo è stato riportato dalla sua pagina Facebook “Io sto con la sposa”, titolo del suo docufilm – Mi hanno fermato al confine, e dopo avermi tenuto nel centro di identificazione e di espulsione di Hatay, sono stato trasferito in un centro di Mugla, in isolamento”. “I miei documenti sono in regola, ma non mi è permesso di nominare un avvocato, né mi è dato sapere quando finirà questo fermo – ha riportato Del Grande alla moglie – ma stai tranquilla. Sto bene. Non mi è stato torto un capello, però non posso telefonare, hanno sequestrato il mio telefono e le mie cose, sebbene non mi venga contestato nessun reato”. “Non mi hanno neppure detto che le autorità italiane volevano mettersi in contatto con me. Ho deciso che da stasera inizierò uno sciopero della fame e invito tutti a mobilitarsi per chiedere che vengano rispettati i miei diritti” ha concluso Gabriele Del Grande.

Da quanto è emerso la ragione del fermo sembra essere legata al contenuto del lavoro del reporter. Nei mesi scorsi Del Grande si era già recato in Turchia diverse volte per realizzare alcune interviste per il suo nuovo libro, finché non è stato fermato “in una zona del Paese in cui non è consentito l’accesso”, come sottolineato nei giorni scorsi anche dalla Farnesina. Il fermo è stato disposto dalle autorità turche perché Del Grande non era in possesso dei documenti necessari per fare ricerche giornalistiche al confine con la Siria. Il blogger avrebbe dovuto far ritorno in Italia in due o tre giorni. L’iter per la sua espulsione però si è complicato, poiché è ancora in attesa della risoluzione di alcune procedure giudiziarie a suo carico. Anche le fonti diplomatiche non sono state in grado di definire quando Gabriele Del Grande potrà fare ritorno a casa.

Intanto la Farnesina e l’ambasciata italiana ad Ankara stanno seguendo il caso con la massima attenzione e in costante contatto con i familiari del giornalista. Il ministro Alfano ha disposto l’invio a Mugla (dove Del Grande è detenuto) del console d’Italia a Smirne per rendere visita al connazionale e l’ambasciatore italiano ad Ankara ha trasmesso alle autorità turche la richiesta di visita consolare, come previsto dalla Convenzione di Vienna del 1963. La richiesta insistente della Farnesina è che Gabriele Del Grande possa ricevere regolare assistenza legale e consolare, e che sia rimesso in libertà al più presto, nel pieno rispetto della legge.

Attualità
Graziana Capurso
@Gracy22Gracy

Graziana Capurso, 23 anni from Acquaviva delle Fonti. Giornalista pubblicista, aspirante professionista con in tasca una laurea in Lettere, attualmente iscritta al Master Biennale di Giornalismo dell’Università di Bari. Un po' Peter Pan un po' Alice nel Paese delle Meraviglie, è nata nell'epoca sbagliata e freme all'idea di diventare un' inviata speciale (quella con la I maiuscola). Ama viaggiare, non solo con la fantasia! Pronta a girare il mondo armata di carta, penna (o forse sarebbe meglio dire pc) e macchina fotografica per raccontare, con la sua personalissima lente l'ingrandimento, vita, morte e miracoli di popoli e paesi lontani. Bibliofila per ossessione, rompiscatole per diletto, naif per scelta. Ha una passione smodata per il vintage e colleziona oggetti rétro. Morbosamente curiosa, perennemente insicura, costantemente a caccia di chiacchiere e particolari. Unico (?) tallone d'Achille? La matematica!

More in Attualità

Milano, 4/10/2014programma televisivo, Che fuori tempo che fanella foto, Gabriele Del Grande

Mobilitazione per Gabriele Del Grande
Il rimpatrio del reporter è ancora lontano

Paolo Cocuroccia20 aprile 2017
palermo

Duemila migranti sbarcati in Calabria
L’accoglienza richiede aiuti volontari

Tommaso Felicetti20 aprile 2017
theresa-may-an103106230epa05433683

Elezioni anticipate in Gran Bretagna:
Theresa May presenta la mozione

Davide Impicciatore19 aprile 2017
perche-allenarsi-al-freddo-aiuta-a-dimagrire

Torna l’inverno in Europa
12° in meno nel Bel Paese

Luca Losito19 aprile 2017
A street is blocked off where emergency officials say a shooting has killed one person and injured two others Tuesday, April 18, 2017, in downtown Fresno, Calif. Dan Lynch of Fresno County Emergency Medical Services says the two wounded by gunfire have been transported to hospitals. A Fresno city spokesman says county offices are on lockdown, and people have been urged to shelter in place. (AP Photo/Scott Smith)

Uccide tre bianchi per razzismo
In California escluso terrorismo

Annarita Amoruso19 aprile 2017
Supporters stands in front of a screen displaying a portrait of Turkish President Recep Tayyip Erdogan during a rally at Kizilay Square in Ankara on July 20, 2016, 

Erdogan on Wednesday declared a three-month state of emergency, vowing to hunt down the "terrorist" group behind last week's bloody coup attempt. / AFP PHOTO / ADEM ALTAN

Turchia: Erdogan vince con il 51,4%
Ed è subito polemica sul referendum

Graziana Capurso18 aprile 2017
marine-le-pen

Scontri dentro e fuori comizio Le Pen
La leader: “Militanti estrema sinistra”

Davide Impicciatore18 aprile 2017
Ospedale Di Venere Bari

Bimba morta per una lite:
Procura indaga su 8 persone

Maila Daniela Tritto18 aprile 2017
viking-sky

Nasce la nave gioiello
Viking Sky ad Ancona

Annarita Amoruso18 aprile 2017