Attualità

Colline del Prosecco patrimonio Unesco ma c’è anche chi contesta la decisione

Colline del Prosecco patrimonio Unesco ma c’è anche chi contesta la decisione
Claudio Carbone

È arrivata ieri la decisione del World Heritage Commettee, composto da rappresentanze di 21 Stati, di inserire le colline del Prosecco nell’elenco dei siti “Patrimonio Mondiale dell’Umanità”. Salgono così a 55 i siti italiani presenti in questo ambito elenco.
L’attesa decisione arriva dopo la bocciatura dell’anno scorso (per due voti). La candidatura, proposta sin dal 2010 era stata presentata nel 2017 dall’allora ministro per le Politiche agricole Maurizio Martina.
Soddisfazione è stata espressa da molti esponenti del governo, dal Ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi a quello delle Politiche agricole Gian Marco Centinaio, ai due vice premier Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Lo stesso Maurizio Martina si è dichiarato felice di aver contribuito all’obiettivo.
Con il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia, festeggiano tutti i protagonisti del comparto, propulsore e anima della candidatura sono stati, infatti, i produttori del Consorzio del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Docg che brindano anche ai 464 milioni di bottiglie vendute lo scorso anno e all’aumento record del 21% nelle vendite.
Umore diverso per le numerose associazioni ambientaliste (fra cui Pesticides Action Network – PAN Italia, WWF e Legambiente) e comitati che da tempo tentavano di opporsi a questo riconoscimento. Sostengono, in particolare, che le colline di Conegliano Valdobbiadene sono ormai diventate il simbolo di una monocoltura vinicola industrializzata che fa un uso smodato di pesticidi, cancella la biodiversità, producendo un’insostenibile erosione di suolo.
I trattamenti chimici metterebbero sempre più a rischio la qualità delle acque, del terreno e soprattutto la salute delle comunità locali portando le coltivazioni anche in prossimità di case e asili come nel caso di Vittorio Veneto.

Attualità

More in Attualità

093731269-875a45b0-0762-4a2a-9385-7601c6705fd8

Aumentano i controlli anti-movida a Bari. Decaro: giovani da responsabilizzare

Luigi Bussu22 maggio 2020
img_attualita_patriottismoeconomico

Patto Stabilità sospeso fino al 2021 La proposta di Parigi in sostegno all’Europa

Marìcla Pastore22 maggio 2020
unnamed-1

Università: lezioni online fino a gennaio 2021, rimangono aperti solo biblioteche e laboratori

Michela Lopez22 maggio 2020
giove

Ex Ilva, lunedì sciopero generale Sindacati: “Situazione insostenibile”

Anna Piscopo22 maggio 2020
refinery-4800320_1920

Brindisi avvolta da emissioni del petrolchimico: il sindaco blocca gli impianti di Versalis

Michela Lopez21 maggio 2020
de-donno

De Donno cittadino onorario di Lequile per lotta a Covid-19 con terapia al plasma

Michele Mitarotondo21 maggio 2020
movida

Premier Conte: “No a movida”. Multe da 400 a 3mila euro

Anna Piscopo21 maggio 2020
unnamed

Conversano, cade la maggioranza L’ira del Sindaco: “Gesto ignobile”

Marìcla Pastore21 maggio 2020
oms_svizzera_sede_fg_ipa

Al via indagine indipendente sulla gestione della pandemia da parte dell’Oms

Luigi Bussu20 maggio 2020