estero

Elezioni politiche in Grecia Netta vittoria di Mitsotakis

Elezioni politiche in Grecia Netta vittoria di Mitsotakis

In Grecia ha vinto il centrodestra. Alle elezioni politiche, che si sono svolte domenica scorsa, il partito Nuova Democrazia ha ottenuto circa il 40% dei voti. La formazione del primo ministro uscente Alexis Tsipras, Syriza, ha raccolto circa 8 punti percentuale in meno rispetto ai vincitori.

Kyriakos Mitsotakis, il leader di Nuova Democrazia, ha giurato oggi da nuovo Premier, con la benedizione da parte dei leader della chiesa ortodossa greca, una tradizione che Tsipras non aveva seguito per la prima volta quattro anni fa, preferendo un rito laico. Mitsotakis già domani dovrebbe presentare la lista dei ministri. La vittoria ha confermato i risultati del centro-destra nelle europee di fine maggio, ed era stata prevista dai sondaggi. Mitsotakis, 51 anni, fa parte di una delle famiglie più ricche e potenti della Grecia. I Mitsotakis-Venizelos sono, infatti, una dinastia di armatori greci che ha già espresso tre Premier, ministri, parlamentari e governatori regionali. Cardine del programma elettorale della destra moderata è stata la promessa di abbassare le tasse alle imprese.

Il centrodestra potrà governare da solo, senza appoggi esterni. La legge elettorale greca, infatti, assegna 50 seggi al partito vincitore, garantendo la maggioranza a chi ottiene una percentuale intorno al 40%.  Nella prossima legislatura, dunque, il partito di Mitsokatis occuperà 158 seggi su 300 al parlamento greco, la Boulè. All’opposizione, oltre a Syriza, ci saranno “Kinima Allagis”, gli eredi del PASOK (Movimento Socialista Panellenico) (8,10% dei voti), il Partito comunista greco (5,30%), i conservatori “Soluzione greca” di Kyriakos Velepoulos (3,70%) e MeRA25, il piccolo partito dell’ex ministro dell’Economia Yanis Varoufakis. Non è riuscito a superare la soglia di sbarramento del 3% il partito neonazista Alba Dorata, i cui vertici sono sotto processo per l’omicidio del rapper-operaio Pavlos Fyssas, del 18 settembre 2013, e svariati altri crimini violenti. L’affluenza è stata bassa, intorno al 56%.

 

More in estero

new-york-blackout

LA GRANDE MELA SI SPEGNE UN BLACKOUT CAUSA IL PANICO

Mariamichela Sarcinelli15 luglio 2019
0

Trump contro i social: “regolamentare a tutela della libertà”

Michela Lopez12 luglio 2019
5d1ccc7d2400005f00faa5b7

Libia: dopo il raid aereo di Haftar, sono liberi trecentocinquanta migranti

Simona Latorrata10 luglio 2019
trump

AMBASCIATORE BRITANNICO: “TRUMP INETTO” LA RISPOSTA: “NON TRATTEREMO Più CON LUI”

Mariamichela Sarcinelli9 luglio 2019
ukraine-election-2019-who-is-new-president-volodymyr-zelensky

Il comico Volodymyr Zelensky nuovo presidente dell’Ucraina

Luigi Bussu23 aprile 2019
Delegazione Regione Puglia a Mosca

Sanità, cultura e turismo. Bari e Mosca più vicine

Saverio Carlucci18 aprile 2019
Libya's UN-backed Prime Minister-designate, Fayez al-Sarraj, flanked by members of the presidential council, speaks during a press conference on March 30, 2016 in the capital Tripoli. 
Fayez al-Sarraj arrived in Tripoli following months of mounting international pressure for the country's warring sides to allow him to start work. / AFP / STRINGER

Il monito del Premier Libico al-Sarraj: “Pronti 800mila migranti verso l’Europa”

Luigi Bussu16 aprile 2019
notre-dame-incendio

Notre Dame nelle fiamme I francesi: “La ricostruiremo”

Simona Latorrata16 aprile 2019
netanyahu

Netanyahu vince in Israele È il premier più longevo

Marìcla Pastore10 aprile 2019