estero

Elezioni politiche in Grecia Netta vittoria di Mitsotakis

Elezioni politiche in Grecia Netta vittoria di Mitsotakis

In Grecia ha vinto il centrodestra. Alle elezioni politiche, che si sono svolte domenica scorsa, il partito Nuova Democrazia ha ottenuto circa il 40% dei voti. La formazione del primo ministro uscente Alexis Tsipras, Syriza, ha raccolto circa 8 punti percentuale in meno rispetto ai vincitori.

Kyriakos Mitsotakis, il leader di Nuova Democrazia, ha giurato oggi da nuovo Premier, con la benedizione da parte dei leader della chiesa ortodossa greca, una tradizione che Tsipras non aveva seguito per la prima volta quattro anni fa, preferendo un rito laico. Mitsotakis già domani dovrebbe presentare la lista dei ministri. La vittoria ha confermato i risultati del centro-destra nelle europee di fine maggio, ed era stata prevista dai sondaggi. Mitsotakis, 51 anni, fa parte di una delle famiglie più ricche e potenti della Grecia. I Mitsotakis-Venizelos sono, infatti, una dinastia di armatori greci che ha già espresso tre Premier, ministri, parlamentari e governatori regionali. Cardine del programma elettorale della destra moderata è stata la promessa di abbassare le tasse alle imprese.

Il centrodestra potrà governare da solo, senza appoggi esterni. La legge elettorale greca, infatti, assegna 50 seggi al partito vincitore, garantendo la maggioranza a chi ottiene una percentuale intorno al 40%.  Nella prossima legislatura, dunque, il partito di Mitsokatis occuperà 158 seggi su 300 al parlamento greco, la Boulè. All’opposizione, oltre a Syriza, ci saranno “Kinima Allagis”, gli eredi del PASOK (Movimento Socialista Panellenico) (8,10% dei voti), il Partito comunista greco (5,30%), i conservatori “Soluzione greca” di Kyriakos Velepoulos (3,70%) e MeRA25, il piccolo partito dell’ex ministro dell’Economia Yanis Varoufakis. Non è riuscito a superare la soglia di sbarramento del 3% il partito neonazista Alba Dorata, i cui vertici sono sotto processo per l’omicidio del rapper-operaio Pavlos Fyssas, del 18 settembre 2013, e svariati altri crimini violenti. L’affluenza è stata bassa, intorno al 56%.

 

More in estero

epa08046736 Protesters hold a sign reading 'Let's Revolt' during a demonstration against pension reforms in Paris, France, 05 December 2019. Unions representing railway and transport workers and many others in the public sector have called for a general strike and demonstration to protest against French government's reform of the pension system.  EPA/IAN LANGSDON

Riforma delle pensioni Scoppia protesta in Francia

Cristina Mastrangelo6 dicembre 2019
maxresdefault

Eurovision è “gay friendly” E l’Ungheria non partecipa

Cristina Mastrangelo29 novembre 2019
scarcerati-3-innocenti

Scarcerati dopo 36 anni. Erano accusati di omicidio

Simona Latorrata28 novembre 2019
terremoto_albania-1

Violento terremoto in Albania Sale a 30 il numero delle vittime

Luigi Bussu27 novembre 2019
el-mimo

“El Mimo” impiccata ma è un suicidio?

Anna Piscopo22 novembre 2019
US President Donald J. Trump delivers remarks on honesty and transparency in healthcare prices during an event in the Roosevelt Room of the White House in Washington, DC, USA, 15 November 2019. ANSA/SHAWN THEW

Per Washington le colonie in Cisgiordania non sono più illegali

Anna Piscopo19 novembre 2019
i473tze

A Hong Kong continuano le proteste Scontri tra polizia e manifestanti

Luigi Bussu18 novembre 2019
impeachment-70-1

Impeachment per Donald Trump. Prime audizioni pubbliche al Congresso

Simona Latorrata14 novembre 2019
170827934-849ecb1d-1abb-45d0-a81f-979c15e3bc43

Polonia contro Netflix: “Falsifica la Storia”

Simona Latorrata13 novembre 2019