Cronaca

La Corte europea condanna l’Italia: ergastolo ostativo vìola diritti umani

La Corte europea condanna l’Italia: ergastolo ostativo vìola diritti umani

Strasburgo ha condannato l’Italia sull’ergastolo ostativo: il carcere a vita senza alcun beneficio penitenziario per i detenuti di reati associativi (per esempio mafia o terrorismo). La Corte europea dei diritti dell’uomo (Cedu) ha stabilito che la misura detentiva, prevista dall’articolo 4 bis della legge sull’Ordinamento Penitenziario italiano, vìola i diritti umani. La sentenza respinge il ricorso del Governo italiano, confermando la condanna emessa lo scorso 13 giugno, quando aveva considerato ammissibile il ricorso avanzato nel dicembre del 2016 dal detenuto per mafia Marcello Viola. In quell’occasione, la Cedu aveva rilevato una violazione dell’articolo 3 dei diritti umani in cui si stabilisce che “nessuno può essere sottoposto a tortura né a pene o trattamenti inumani o degradanti”.

 

La Corte ritiene che la pena detentiva inflitta a Marcello Viola, coinvolto negli avvenimenti tra cosche ad inizio anni ‘90 in omicidi, sequestri e detenzione di armi, abbia “eccessivamente limitato le sue prospettive di rilascio e la possibilità di revisione della sua sentenza”. La sentenza impone all’Italia non di liberare il detenuto, bensì di cambiare la legge sull’ergastolo ostativo in modo che la collaborazione con la giustizia del condonato non sia l’unico elemento che gli impedisce di non avere sconti di pena. (Fonte: Rai news)

Cronaca

More in Cronaca

offbvb

“Italia a 5 Stelle”: i commenti di Grillo e l’aggressione al cronista de “Le iene”

Michela Lopez14 ottobre 2019
daniele-de-martino-3

Ad Acquaviva scoppia la polemica contro il rapper che esalta la mala

Simona Latorrata14 ottobre 2019
donna-incinta

In ospedale manca l’anestetista Donna perde il bambino a Vibo Valentia

Mariamichela Sarcinelli11 ottobre 2019
Credit photo: La Nazione

Novantenne multata su autobus a Carrara: aveva dimenticato di rinnovare abbonamento

Michele Mitarotondo10 ottobre 2019
halle-sinagoga1

Strage nella sinagoga di Halle Due le vittime del terrorista

Marìcla Pastore10 ottobre 2019
A Turkish n armored vehicles patrol as they conduct a joint ground patrol with American forces in the so-called "safe zone" on the Syrian side of the border with Turkey, near the town of Tal Abyad, northeastern Syria, Friday, Oct.4, 2019. The patrols are part of a deal reached between Turkey and the United States to ease tensions between the allies over the presence of U.S.-backed Syrian Kurdish fighters in the area. (AP Photo/Baderkhan Ahmad)

La Turchia attacca i curdi: nel raid colpiti anche civili

Michela Lopez10 ottobre 2019
lp_9684180-o7o50o8mpmjhu7tk1ea2b1iv59tat66498sa9hfc3k

Sospeso il pagamento del debito del Lecce

Luigi Bussu9 ottobre 2019
Credit photo: BariToday

Centrosinistra stravince elezioni: conquistati 14 seggi su 18 in Consiglio metropolitano

Michele Mitarotondo8 ottobre 2019
https://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/news/foggia/1177660/foggia-61enne-rimprovera-ragazzini-molesti-e-loro-lo-pestano-ferite-e-fratture.html

Rimprovera ragazzini E quelli lo aggrediscono

Marìcla Pastore8 ottobre 2019