Agenzie

Impeachment Trump: a gennaio il voto del Senato

Impeachment Trump: a gennaio il voto del Senato

Roma, 8 dic. 2020 – Non si ha ancora una data precisa per il voto del Senato sulla messa in accusa del Presidente Donald Trump, ma è certo che avvenga entro fine mese. Imputato di abuso di potere e ostruzione al Congresso per aver fatto pressioni sul presidente ucraino Volodymyr Zelensky, affinché fossero fatte indagini sull’ex vicepresidente Joe Biden – oggi tra i candidati democratici alle presidenziali USA –  e suo figlio, Trump è il quarto Presidente statunitense a finire sotto accusa, dopo Johnson, Nixon e Clinton. La Camera, a maggioranza democratica, il 19 dicembre scorso ha votato a favore dell’impeachment con 230 voti contro 197 contrari; tuttavia la speaker democratica della Camera, Nancy Pelosi ad oggi non ha ancora presentato al Senato gli articoli della messa in stato di accusa del presidente. Una scelta ponderata – secondo i commentatori –  per poter, da un lato, danneggiare la prossima campagna elettorale di Trump e fare pressione ai Repubblicani, per chiarire le modalità del processo. “Abbiamo un Presidente che è un bugiardo patologico e che ha l’amministrazione più corrotta della nostra storia” ha detto Barnie Sanders durante l’ultimo confronto democratico prima della pausa natalizia, invitando il Senato a riflettere bene prima della votazione che, secondo le previsioni – vista la maggioranza Repubblica – dovrebbe assolvere Trump.

More in Agenzie

libia

Crisi Libia: dalla “Primavera Araba” alla guerra senza quartiere

Marìcla Pastore8 gennaio 2020
Commemorazione Mattarella

Piersanti Mattarella: 40 anni fa ucciso dalla mafia a Palermo

Anna Piscopo8 gennaio 2020
crisi-libia

Crisi Libia: Al-Serraj – Haftar, una lunga storia di guerra

Saverio Carlucci8 gennaio 2020
mattarella-piersanti

Piersanti Mattarella: 40 anni fa l’omicidio, il ricordo a Palermo

Michela Lopez8 gennaio 2020
084514897-4a6cd076-b0dc-4be1-aee4-2794e00cf59b

Impeachment Trump: in tv il commento dei candidati dem

Luigi Bussu20 dicembre 2019
ordigno-brindisi3

Ordigno Brindisi: Rientrati a casa i 54mila evacuati

Saverio Carlucci16 dicembre 2019
Violenza di genere

Stalking: due arresti nel Barese, a Corato e Monopoli

Anna Piscopo16 dicembre 2019
(FILES) In this file photo taken on April 16, 2013 an employee looks at coils of steel treated by galvanization are stored in the world's largest steel maker ArcelorMittal's "cold factory" of the northeastern France plant of Florange. - The world's largest steel company ArcelorMittal announced on December 17, 2018 its decision to not restart the iconic blast furnaces of its French site in Florange (Moselle), which were closed since 2012. The company declared that they will continue to develop the manufacture of finished products on the site. (Photo by Jean-Christophe VERHAEGEN / AFP)

Ex Ilva: Arcelor lascia, non rischia solo Taranto

Saverio Carlucci11 novembre 2019
crollo-di-viale-giotto-2

Crollo Viale Giotto: Foggia ricorda le 67 vittime a venti anni dalla tragedia

Cristina Mastrangelo11 novembre 2019