Agenzie

Piersanti Mattarella: 40 anni fa l’omicidio, il ricordo a Palermo

Piersanti Mattarella: 40 anni fa l’omicidio, il ricordo a Palermo
Michela Lopez

Palermo, 6 gen. – Il 6 gennaio del 1980 in via Libertà a Palermo, il Presidente della Regione Sicilia, Piersanti Mattarella, venne ucciso a colpi di pistola da un killer della mafia. Si trovava sotto casa e stava entrando in macchina con la moglie, i figli e la suocera per andare a messa. Aveva 45 anni.

Prima consigliere comunale di Palermo, poi assessore regionale al bilancio, Mattarella era stato eletto Presidente di Regione e avviò un programma di riforme anche contro i legami tra mafia e politica. Cosa Nostra non gli perdonò questa presa di posizione.

Oggi si commemorano i 40 anni della sua morte e la cerimonia si è tenuta proprio sul luogo dell’eccidio. Presenti i familiari, il ministro del Mezzogiorno, Giuseppe Provenzano e le massime cariche istituzionali siciliane come il governatore Nello Musumeci, il presidente dell’Assemblea siciliana Gianfranco Miccichè e il sindaco di Palermo Leoluca Orlando. Tra le corone di fiori a rendere omaggio a Piersanti Mattarella per la prima volta era presente anche una del governo.

“La mafia che ha voluto uccidere Piersanti Mattarella non ha vinto – ha affermato il ministro Provenzano – eppure non ha nemmeno perso perché quella riforma profonda delle istituzioni che Mattarella voleva realizzare in Sicilia, e di cui c’è bisogno in tutto il Paese è un lavoro che ancora deve essere portato a compimento: le ragioni per cui è stato ucciso sono ancora attuali”.

Subito dopo il corteo si è spostato nel Giardino Inglese di Palermo che è stato intitolato al Presidente e che da oggi si chiama “parco Piersanti Mattarella – giardino all’inglese”

La seduta solenne in memoria del Presidente della Regione siciliana si è svolta infine nel Palazzo Reale. Presente il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, fratello di Piersanti, che 40 anni fa fu tra i primi ad accorrere sul luogo del delitto.

Agenzie
Michela Lopez

Classe 1993. Laureata in lingue all'Università degli studi di Bari "Aldo Moro”. La mediazione è l’essenza della comunicazione, sia a livello "interculturale" che a livello "intraculturale". La mia idea di giornalismo è ripresa perfettamente nel film The Post: “The press was to serve the governed, not the governors". Appassionata di spettacoli, cronaca e musica (Let' rock!)

More in Agenzie

azzolina-imbuti

Scuola: Azzolina, per maturità si parte il 17 giugno. Niente scritti

Michela Lopez16 maggio 2020
azzolina_9_aprile_03

Scuola: Azzolina, niente bocciature ma valutazione seria

Saverio Carlucci16 maggio 2020
FILE - In this Feb. 14, 2019, file photo, New York Gov. Andrew Cuomo speaks before signing a bill in New York. Cuomo is being criticized for using a racial slur for African Americans while discussing historical discrimination toward dark-skinned Italian immigrants. He was in an interview Tuesday, Oct. 15, on WAMC radio while speaking about Columbus Day and a recent New York Times article about how Italians overcame bigotry in the U.S. Oct. 15. (AP Photo/Seth Wenig, File)

Covid-19: Cuomo, a New York lockdown fino al 28

Luigi Bussu16 maggio 2020
casellati

Covid-19: videomessaggio Casellati per la Giornata della famiglia

Claudio Carbone15 maggio 2020
ezio-bosso-1

Unione Europea: Ezio Bosso, L’Europa come un’orchestra

Simona Latorrata15 maggio 2020
gentiloni480

Ue: Gentiloni, vicina a Stati con Mes e Sure

Cristina Mastrangelo15 maggio 2020
teresa-bellanova

Lacrime e politica: Bellanova, un valore di genere

Marìcla Pastore15 maggio 2020
cortellesi

Covid-19: la “poesia al Padreterno” di Paola Cortellesi

Anna Piscopo14 maggio 2020
smart-working

Smart working: come si differenzia dal telelavoro

Simona Latorrata29 aprile 2020