Attualità

Ultimatum di Patuanelli sulla trattativa governo-Mittal: «Chiudere intesa entro venerdì o si va in Tribunale»

Ultimatum di Patuanelli sulla trattativa governo-Mittal: «Chiudere intesa entro venerdì o si va in Tribunale»
Michela Lopez

“Abbiamo detto il 31 gennaio, se non si chiude entro il 31 ci vediamo il 7 febbraio in Tribunale”. Così il ministro dello Sviluppo, Stefano Patuanelli, ha risposto ai cronisti che gli chiedevano un aggiornamento sulla trattativa con Arcelor Mittal sull’ex Ilva.
La discussione sul nuovo piano industriale proposto dal governo per Arcelor Mittal deve giungere a una soluzione tra qualche ora. Tra le linee guida del nuovo progetto c’è un rilancio della produzione a 8 milioni di tonnellate, reintegro di 2.400 lavoratori e riduzione del 50% di emissioni inquinanti. L’obiettivo del piano è infatti quello di rendere lo “stabilimento di Taranto leader europeo nella produzione di acciaio ecosostenibile“.
Intanto le imprese dell’indotto ex Ilva di Taranto si sono autoconvocate stamattina alle 10 davanti alla palazzina della direzione del siderurgico di Taranto, denunciando una «persistente situazione di impasse riguardante i pagamenti da parte di ArcelorMittal Italia». Lo ha reso noto la sezione locale di Confindustria, segnalando nuovi ritardi da parte dei franco-indiani.
Già una decina di giorni fa un gruppo di autotrasportatori dell’indotto che lavora con ArcelorMittal ha manifestato per le stesse ragioni davanti alla portineria imprese. La protesta è rientrata dopo un incontro con la dirigenza che aveva garantito il ristoro dell’80% dello scaduto. Ma i ritardi nei pagamenti stanno proseguendo.

Attualità
Michela Lopez

Classe 1993. Laureata in mediazione interculturale al dipartimento di lingue dell'Università degli studi di Bari "Aldo Moro”. Laurea triennale in inglese e tedesco, conoscenze basilari anche di francese e russo. La mediazione è l’essenza della comunicazione, sia a livello "interculturale" che a livello "intraculturale". Scavare e sperimentare sono le parole chiave del giornalismo, in particolare in questo momento storico. La mia idea di giornalismo è ripresa perfettamente nel film The Post: “The press was to serve the governed, not the governors". Appassionata di musica, spettacoli, cronaca e viaggi.

More in Attualità

antonio_decaro_1j

I ‘cazziatoni’ di Decaro “Cimiteri saturi, restate a casa”

Marìcla Pastore8 aprile 2020
conte

“Una potenza di fuoco” per l’economia. Cosa prevede il decreto imprese

Saverio Carlucci7 aprile 2020
la-fontanella

Covid-19: nove morti in Rsa. Indaga la Procura di Lecce

Anna Piscopo7 aprile 2020
download-1

Covid-19, meno ricoveri in terapia intensiva Ma il numero delle vittime cresce: “Bisogna perseverare”

Marìcla Pastore7 aprile 2020
wireap_cc2ade55e9924ac4ba48e23096693914_16x9_992

Gli USA sull’orlo del tracollo “Sarà una nuova Pearl Harbor”

Cristina Mastrangelo6 aprile 2020
TURISTI IN PIAZZA SAN PIETRO  CON MASCHERINA SANITARIA ANTI CONTAGIO ANTICONTAGIO ANTIVIRUS

COVID 19 COVID19

EMERGENZA CORONA VIRUS CORONAVIRUS PAURA ALLARMISMO EMERGENZA ALLARME

Mascherine obbligatorie in Toscana saranno distribuite gratuitamente

Mariamichela Sarcinelli6 aprile 2020
Unità medici per strada

Covid-19, medici volontari in camper anche a Bari

Anna Piscopo6 aprile 2020
download

Covid-19: meno morti e ricoveri Ma non abbassiamo la guardia

Marìcla Pastore6 aprile 2020
e556b27bc2a9be859ccae2f4d3d2f6b4-44036-95723157c8ebcac4750156d2b21ac04e

Ricoverato Boris Johnson. Le sue condizioni peggiorano

Simona Latorrata6 aprile 2020